Monthly Archives: aprile 2016

Concorso Scuola: gli esami non finiscono mai

arton35495

165mila insegnanti per 60mila posti: è iniziato ieri il concorsone previsto da ‪#‎labuonascuola‬. L’età media è 38 anni, ma sui banchi si siedono 3 generazioni di insegnanti. Come funziona il concorso, quali sono le preoccupazioni di chi protesta, che possibilità per chi è già abilitato ma resta fuori? Risponde il sottosegretario all’istruzione Davide Faraone.

Gli ospiti del 29 aprile 2016

David Faraone, Sottosegretario di Stato alla Scuola, all’Università e alla Ricerca

Domenico Pantaleo,  Segretario Flc Cgil Scuola

Salvatore, insegnante da Foggia. Sta facendo il concorso

Beniamino Brocca, già sottosegretario alla Pubblica Istruzione (dal 1987-92), insegna Pedagogia alla Sapienza di Roma e alla Libera Università di Bolzano e Didattica generale a Urbino.

Brennero: ferita d’Europa

muro-brennero-659x297

La barriera del Brennero è “contro le regole europee, la storia, la logica, il futuro”, dice Matteo Renzi nel giorno in cui l’Austria mostra come sarà il suo muro. Una frattura in Europa che divide anche gli ascoltatori:
– L’Italia deve reagire duramente a un’ Austria che vuole dividere l’Europa
– Ma no, l’Austria ha tutto il diritto di controllare chi entra nel suo territorio
– Si ma quali sono i danni economici che una barriera può comportare in mezzo all’Europa?

Gli ospiti della puntata del 28 aprile 2016

Alberto Faustini, direttore del giornale Alto Adige e Trentino

Gerhard Mumelter, corrispondente dal quotidiano austriaco Der Standard, scrive sul blog di Internazionale

Alberto Fiorin, scrittore e viaggiatore, ha firmato varie guide e libri di viaggio in bicicletta, tra gli altri ricordiamo per Ediciclo Le piste ciclabili della Val Pusteria (2007)

Paolo Rumiz, scrittore e giornalista triestino, inviato speciale del «Piccolo» di Trieste ed editorialista de «La Repubblica».

Giuseppina Della Pepa, direttore di Anita, associazione trasportatori di Confindustria Italia

Ascolta qui l’intera puntata

Rumiz: le frontiere stanno tornando, la retorica del “mondo senza confini” ci ha illuso

rumiz

Le frontiere purtroppo stanno tornando perché una patria europea non è mai nata. E poi la retorica del mondo senza confini  ci ha ubriacati, ci ha fatto dimenticare che i confini esprimono anche un bisogno di ordine che abbiamo accantonato troppo in fretta.

Lo scrittore e viaggiatore Paolo Rumiz il Brennero e le altre frontiere europee, di oggi e di ieri, le ha attraversate e studiate a lungo. A piedi, in bici, in auto… Ascoltalo qui.

 

“L’Austria non tornerà indietro”

austria hofer

Dopo il trionfo dell’estrema destra di Norbert Hofer al primo turno, tutta la politica austriaca sposa la linea dura sul Brennero, un confine che ha un altissimo valore simbolico. Nonostante il fatto che se le forze economiche, non solo in Italia ma anche in Germania e persino in Austria, protesteranno duramente.

Gerhard Mumelter è corrispondente del quotidiano austriaco Der Standard. Ascoltalo qui

L’intervista. Arno Kompatscher: “Evitiamo le barriere”

AK_D4C4323-neo2

Arno Kompatscher, presidente della provincia dell’Alto Adige, parla della necessità di “una soluzione comune” per “evitare reticolati”. Considerando un paradosso: “spendiamo miliardi di fondi Ue per un il tunnel che unirà i due paesi, e poi lasciamo alzare barriere”. La risposta? “Lavorare d’intesa”. Partendo “dalla necessità di gestire i flussi, perché l’Austria sta accogliendo molto più dell’Italia”.

Leggi l’intervista sul sito dell’Espresso

La geografia dei muri

banksy_hole_blog

Dal muro di Berlino a quello di Gaza, dal muro  che separa le due zone di Cipro a quello che incide il  Nord America tra Usa e Messico: una mappa di segni e di cicatrici della storia, con cui la politica ha creato barriere per difendere confini sociali politici economici e culturali. Con quali risultati e con quanto successo? Radio3 Mondo ha dedicato al tema, nel mese di settembre, un approfondimento: ascolta i dati forniti da Cristiana Giordano e Marco Stefanelli.

1 2 3 4 34