Monthly Archives: agosto 2016

Ambiente e partecipazione. Ascolta la puntata

ecologia

Ciclo dei rifiuti, rispetto degli animali, cura  e gestione di parchi, grandi e piccoli. I cittadini, i comitati prendono voce, anche grazie alla lettura delle prime pagine di Enrico Fontana, e portano i temi ambientali al centro delle telefonate di questa settimana a Prima Pagina. E grazie a loro parliamo di ambiente, di cura e di partecipazione attiva.

Gli ospiti del 5 agosto 2016

Vittorio Emiliani, giornalista, scrittore, studioso e saggista, tra i suoi ultimi libri ricordiamo Cronache di piombo e di passione (Donzelli, 2013) e Belpaese, malpaese. Dai taccuini di un cronista (Feltrinelli 2012)

Rossella Muroni, presidente Legambiente

Eugenio Patrone, sindaco Comune di Basilio (inserito nel parco sud di Milano) è il presidente di Basitos, comitato di cittadini che fermò l’edificazione di 300.000 metri cubi nel comune.

Piero Bevilacqua, insegnava Storia contemporanea all’Università di Roma La Sapienza, tra i suoi libri ricordiamo Elogio della radicalità (Laterza 2011) ma anche La terra è finita. Breve storia dell’ambiente (Laterza, 2006)

Ascolta la puntata

 

 

Il libro delle Mamme della Terra dei Fuochi

copertna-1209680_630x210

Un libro scritto da Padre Maurizio e da alcune delle mamme della Terra dei Fuochi perché continuare a raccontare è la loro unica arma a disposizione. Parte del ricavo del testo “Madre Terra Fratello Fuoco”, edito da edizioni San Paolo, sarà devoluto alle associazioni Noi genitori di Tutti e Vittime Terre dei Veleni.

Continua a leggere su Vita.it

verona silent city

Verona Silent City italiana per la gioia di cittadini, ambiente e operatori Amia
“La collaborazione tra la partecipata scaligera e Husqvarna consiste nell’introduzione di macchinari di ultima generazione per la cura e la manutenzione del verde ambiscono a ridurre drasticamente l’impatto sonoro“
Verona Silent City italiana per la gioia di cittadini, ambiente e operatori Amia
„Ha preso il via la partnership strategica tra AMIA spa, società del gruppo AGSM, e Husqvarna, divisione del gruppo svedese Husqvarna Group AB, per la sperimentazione di un innovativo progetto denominato Silent City rivolto agli operatori del dipartimento Area Giardini di AMIA.“

Continua a leggere su Veronasera.it

Cosa pensano davvero i cittadini sull’ambiente? Il test

ambiente-savio

Questionario on-line sulla qualità dell’aria. L’auto elettrica costa troppo. Mezzi pubblici, piste ciclabili ed efficienza energetica degli edifici

Consapevolezza dei cittadini e una diffusa preoccupazione per l’inquinamento atmosferico, ma anche una grande volontà di contribuire a risolvere il problema, mettendo in atto comportamenti virtuosi, che insieme a politiche adeguate possono consentire di raggiungere l’obiettivo di ridurre le emissioni. È il quadro che emerge dai risultati del questionario on-line sulla qualità dell’aria pubblicato sulla pagina web: www.regione.piemonte.it

Aperto a tutti i cittadini e disponibile sul sito della Regione Piemonte nel periodo compreso fra l’11 maggio e il 31 agosto dell’anno scorso, secondo l’assessore regionale all’Ambiente il test ha fornito indicazioni utili, di cui si terrà conto nella realizzazione del Piano regionale sulla qualità dell’aria.
Percezione sull’area padana. La maggior parte dei cittadini che ha preso parte al sondaggio ha una percezione molto grave del livello di inquinamento, ed è consapevole che la situazione sia ancora più critica nel bacino padano, rispetto ad altre zone d’Italia.
C’è consapevolezza dell’influenza dell’inquinamento atmosferico su salute e spesa sanitaria.
I partecipanti hanno individuato traffico veicolare privato, traffico da trasporto merci e riscaldamento civile come le tre principali cause dell’inquinamento dell’aria.
Gran parte dei cittadini sa che ci sono strumenti di monitoraggio e di controllo della qualità dell’aria, consultando dati e informazioni, in primis attraverso tv, radio e quotidiani.

Per sapere i risultati del test vai su e-gazzette.it

Una cura collettiva per le periferie

IMG_0822

Cinque associazioni vitali e legate al territorio, lo strumento digitale e collettivo del crowdfunding e l’obiettivo comune di riqualificare e rigenerare le periferie. È tutto questo “Taking care – Periferie in azione” il primo progetto di crowdfunding civico per le periferie italiane: l’obiettivo è realizzare 5 unità mobili d’intervento in zone periferiche, diversi gli ambiti di intervento, legati alla natura dell’associazione che l’ha proposta.

Si va dallo spazio per la lettura e punto di accesso per il prestito libri, proposto da Aib – Associazione italiana biblioteche, all’ambulatorio mobile per l’assistenza sanitaria e mediazione culturale di Emergency. L’Unità Mobile di Monitoraggio (nella foto sopra, il modello) invece è il progetto di Legambiente.  “Unisce due azioni storiche della nostra associazione, quella del monitoraggio scientifico e del confronto con i cittadini, per trovare le soluzioni più idonee alla riqualificazione – racconta Katiuscia Eroe, responsabile Energia di Legambiente – Saranno infatti i dati tecnico-scientifici su aria, acqua, suolo, energia, elettromagnetismo, mobilità analizzati insieme ai cittadini delle periferie a dire quali azioni intraprendere, quali criticità e quali soluzioni adottare. Arcò è invece la cooperativa di architetti e ingegneri che ha progettato il laboratorio mobile. Un vero gioiello che tiene insieme più qualità: sostenibile, autosufficiente, modulare e trasparente in modo da poter vedere le attività da fuori”.  A progetto finanziato si realizzerà anche  il Polo per la legalità di Libera, “Campo libero”, un presidio nel cuore di un bene confiscato alle mafie che diventerà un luogo aperto alla cittadinanza, pensato per coinvolgere migranti, scuole e giovani. Ed infine la palestra mobile di Uisp, TOMOVEs TOrino MOvement, Values, Expression, Sport di Uisp, un luogo per l’educazione alla convivenza civile, al rispetto e alla cittadinanza attiva attraverso il gioco ed il movimento.

Continua a leggere su La Nuova Ecologia