Cosa prevede la riforma costituzionale

679b021a-becb-4a22-bc9b-92439b768b45_large

Il referendum costituzionale è previsto dall’articolo 138 della costituzione italiana e deve essere indetto entro tre mesi dall’approvazione da parte del parlamento delle leggi di revisione costituzionale. Per essere valido non c’è bisogno di raggiungere il quorum. A differenza del referendum abrogativo, cioè, non è necessario che vada a votare il 50 per cento più uno degli aventi diritto. Ecco cosa prevede la riforma che trasforma l’assetto istituzionale del paese.

Riforma del senato, fine del bicameralismo perfetto

Elezione del presidente della repubblica

Abolizione del Consiglio nazionale per l’economia e il lavoro

Titolo V della costituzione e competenze stato/regioni

Referendum abrogativo e leggi d’iniziativa popolare

Per approfondire leggi su Internazionale.it

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.