Monthly Archives: novembre 2016

L’America ha scelto Trump. Ascolta la puntata

image1

La lunga notte americana si chiude con la vittoria di Donald Trump, 45esimo Presidente degli Stati Uniti. Molti fattori dietro a un risultato comunque sorprendente: l’immigrazione, la crisi economica, il vento del cambiamento. Ma su tutte, come ha scritto Paul Krugman stanotte, non aver capito la realtà

Gli ospiti del 9 novembre 2016

Dario Fabbri, americanista, conduttore di Radio3Mondo, collabora con Limes

Martino Mazzonis, americanista da New York, scrive su Left

Gianluca di Tommaso, fondatore di nightreview.it e di Us Insider, piattaforma di analisi e podcast sulla politica americana

Jan-Werner Müller politologo tedesco, docente a Princeton, è tra i massimi studiosi dei populismi

Ascolta la puntata

“Non abbiamo capito nulla”. Parla Paul Krugman

portugal_paul_krugman_honorary_degree

Paul Krugman, il premio nobel per l’economia e riferimento per i progressisti di tutto il mondo, un paio d’ore fa sul New York Times (il giornale che Trump ha definito suo nemico), reagisce così alla vittoria di Trump: “non abbiamo capito nulla del nostro paese sconosciuto“. Leggilo qui

I proletari di Trump e l’identitarismo “incazzato”

usa

Il tesoro dei proletari non è più la prole, ma l’identità. Ovvero il quartiere o il paesino in cui si vive, il dialetto in cui si parla, gli amici e i vicini, i colleghi con cui si lavora gomito a gomito… La cultura invece è per sua natura globalizzante, ha vocazione internazionale, è delocalizzante. Al proletario questa dimensione internazionale è sbarrata. Sergio Benvenuto, psicanalista e scrittore, ha pubblicato questo pezzo su Doppiozero un mese fa. Va ancora benissimo, consigliamo di leggerlo.

 

Borse asiatiche ko con Tokyo a -5,4%

borsa

Terremoto sulle Borse asiatiche e sui mercati valutari per la prospettiva di una presidenza Trump, con oscillazioni molte violente e l’avvio di una fuga degli investitori verso asset-rifugio come oro (+3,36% a 1.318,47 dollari) e yen. Dollaro in discesa, con l’euro che risale a 1,229 (+1,84%) in apertura. Europa verso tonfo: future Eurostoxx 50 a -4%. Future Usa in forte calo: -5%. La suspense sull’esito delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti fa sì che a un iniziale sollievo per le effimere indicazioni su un leggero vantaggio di Hillary Clinton sia seguito il diffondersi di una atmosfera di panico tra gli investitori in vista di uno scenario di protratta instabilità politica, economica e finanziaria.

Continua a leggere sul Sole24Ore.it

Storia della donna che ci è andata più vicina di tutte le altre

hillary

Hillary Clinton ha perso le elezioni presidenziali degli Stati Uniti, a sorpresa. Ex segretario di Stato, ex senatrice dello stato di New York ed ex first lady degli Stati Uniti, Hillary Clinton è stata battuta dal candidato Repubblicano Donald Trump nonostante probabilmente vincerà nel voto popolare su base nazionale. Il risultato delle elezioni ha contraddetto la maggior parte delle previsioni ed è andato contro gli endorsement di moltissimi giornali e personaggi famosi americani.

Continua a leggere su IlPost.it

1 2