Monthly Archives: dicembre 2016

Referendum: il giorno dopo. Ascolta la puntata

164029555-4284374e-0195-42c5-9872-f0c6b72c2671

“Credevo di aver votato un referendum sulla Costituzione, poi stamattina mi sono accorta che erano elezioni politiche”: Paola da Alessandria è solo una delle tante telefonate di stamattina sull’esito del referendum.
Un voto segno di un nuovo “patriottismo costituzionale”, come lo ha chiamato Antonio Polito? Lo spirito del tempo che soffia tra Europa e Usa? Non possiamo sapere cosa succederà, ma intanto proviamo a capire cosa è successo. Le prime, timide analisi dei flussi, del voto dei giovani, di quel che sarà

Gli ospiti del 5 dicembre 2016

Ferruccio De Bortoli, editorialista e già direttore del Corriere della Sera

Donatella Campus, politologa, insegna Scienza Politica e Comunicazione politica all’Università di Bologna, ha scritto Lo stile del leader (Il Mulino, 2016)

Fabio Bordignon, insegna Metodologie della Ricerca Sociale e Politica a Urbino

Simona Colarizi, insegna Storia contemporanea e storia dei partiti alla Sapienza di Roma

Alessandro Rosina, insegna Demografia  alla Cattolica di Milano, è coordinatore del Rapporto Giovani redatto dall’Istituto Toniolo, il suo ultimo libro, firmato con Sergio Sorgi,  è Il futuro che (non) c’è. Costruire un domani migliore con la demografia

Ascolta la puntata

 

Per il Sì hanno votato i ricchi del centro e per il No i poveri di periferia?

cattaneo-2

Referendum costituzionale o “sociale”? L’Istituto Cattaneo si è chiesto se il voto è stato condizionato dal disagio sociale, dalla ricchezza, dalla presenza di immigrati.

Il Si è il voto dei ricchi che stanno in centro, dell’establishment, e il no il voto anticasta di chi, in periferia, lotta contro la disoccupazione e vive in mezzo agli immigrati?

Qui i flussi elettorali elaborati dall’Istituto Cattaneo per la città di Bologna presa a campione, tutti da leggere.

 

Ha perso lo stile del leader?

renzi

Renzi è l’espressione della politica “in prima persona”, basata sul carisma del leader. La sconfitta al referendum è anche una sconfitta di questo modo di fare politica? Oppure no? Donatella Campus, docente di Comunicazione politica e autrice de Lo stile del leader, risponde così, ascoltala qui

La condizione giovanile in Italia: il Rapporto Giovani 2016

Il Rapporto Giovani mette a disposizione dati, analisi, riflessioni, proposte di intervento che consentano di migliorare la conoscenza e la capacità di azione sulla realtà giovanile, confermandosi uno strumento utile non solo ai ricercatori, ma anche agli stessi giovani, alle loro famiglie, agli educatori, ai giornalisti, agli imprenditori e ai decisori pubblici.
La nuova edizione ci offre un quadro aggiornato di questo “capitale umano in formazione”, illustrandone i valori di riferimento, le aspettative, l’impegno sociale, le scelte formative, i percorsi professionali. Ecco perché si tratta di un prezioso punto di riferimento per chi vuole essere aggiornato su comportamenti e aspirazioni delle giovani generazioni nel nostro Paese.
L’edizione 2016 propone, inoltre, approfondimenti specifici su temi attuali come la sfida del confronto multiculturale, la fruizione del tempo libero, le startup e la sharing economy.
Ne emerge un ritratto a tutto tondo delle nuove generazioni, fragili di fronte alle molte difficoltà del presente, ma anche “affamate” di opportunità e di occasioni per mettersi in gioco.

 

Visita il sito Rapportogiovani.it

1 2