Il mio viaggio nell’Italia “sospesa” tra vita e morte

eut

Federica Marfisi è un’antropologa. Ha deciso di immergersi nell’esperienza di chi vive sospeso tra eutanasia, sedazione profonda, interruzione delle cure. E dei medici che agiscono con compassione e coraggio. Ci ricorda la complessità del dolore, ignorata dalle semplificazioni mediatiche e politiche. Il suo libro è Sospesi. Una lettura antropologica dell’eutanasia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *