Tortura, la legge che manca. I dannati della Diaz salvi grazie all’Europa

M_torture-1

“Come si può esercitare potere su un essere umano? Facendogli sperimentare del dolore”
George Orwell, 1984

L’Italia ha versato un risarcimento monetario a sei persone che le avevano fatto causa rivolgendosi alla Corte europea dei diritti dell’uomo. L’oggetto della diatriba riguardava le violenze durante il G8 tenuto a Genova nel 2001. Nel corso delle manifestazioni di protesta avvenute a margine del G8, decine di persone vennero fermate e portate dalle autorità italiane nella caserma di Bolzaneto dove ‘oltre trecento persone vennero private della possibilità di incontrare i loro legali, umiliate, picchiate, minacciate. Tra le mura della caserma risuonarono a più riprese inni fascisti, molti dei ragazzi vennero costretti a rimanere immobili per ore, le donne subirono violenze fisiche e morali’. La Corte Europea ha dunque sancito quello che tutti sapevano: là dentro fu praticata la tortura. Un reato non contemplato dal codice italiano.

Continua a leggere su Articolo1

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.