Rimini: lo stupro del branco

violenza2

A Rimini si è consumata una vicenda orribile dove i dettagli di cronaca e delle indagini hanno forse contribuito a rafforzare l’attenzione dell’opinione pubblica e dei media intorno a questo caso di stupro di branco. Attenzione ancora più importante se si tiene conto che gli stupri in Italia sono circa 4mila l’anno, 11 al giorno, anzi di più perché molti non vengono denunciati, e che non tutti ottengono la stessa considerazione.

Gli ospiti del 6 settembre 2017

Raffaella Palladino, Associazione DiRe, Donne in rete contro la violenza
Francesco Cancellato
, direttore de Linkiesta
Luca Fazzo
, giornalista del Giornale 
Vladimiro Polchi
, giornalista di Repubblica, autore tv, autore di articoli, inchieste e libri sul tema dell’immigrazione e di un pezzo l’altro giorno su Rimini e gli stupri in Italia 
Umberto Galimberti
, filosofo e psicanalista, tra i suoi libri ricordiamo L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani (Feltrinelli), I miti del nostro tempo (Feltrinelli)

Comments

comments

3 commenti

  • Francesca Gallus

    SonO madre di due figli adottivi di origine brasiliana. Sono entrambi di colore e con tratti somatici che richiamano probabili origini africane. Sono 14 anni che assisto a una serie quasi esilarante, non fosse tragica, di episodi di discriminazione. Ieri mio figlio maggiore (21 anni) e io siamo stati fermati, in macchina, dai carabinieri, che si sono poi giustificati dicendomi che la ragione del fermo stava nel fatto che mi avevano visto gesti colare. Come se gesti colare in auto con un “negro” potesse essere di per sé indizio di una situazione anomala

  • “4 stupri su 10 sono commessi dagli stranieri”.
    Naturalmente stiamo parlando di stupri denunciati. Davvero pensiamo che gli stranieri/immigrati siano più “portati” alla violenza sulle donne?
    Mi chiedo se, in Italia e in questi tempi, la donna che subisce una violenza così devastante non consideri più accettata socialmente la denuncia (cioè meno “colpevolizzante” per lei) fatta nei confronti di uno sconosciuto/immigrato.
    Quante donne subiscono in silenzio la violenza perpetrata nell’ambiente familiare? Lo sappiamo molto bene, altro che immigrati.
    Lo straniero/estraneo si annida molto spesso tra le persone più vicine, a volte nascoste e protette da loro ipocrita patina di rispettabilità.

  • Seguo molto radio 3 , è una delle mie radio preferite assieme al network di Radio Popolare e Radio Città del Capo…fino al momento dell’ascolto dei notiziari che seguo con molta attenzione dato che non guardo la televisione. Il confronto tra i notiziari è impietoso, quello di radio tre sembra scritto dal duo salvini&meloni per radio padania, alcuni esempi lo sgombero dei profughi del corno d’Africa, graande enfasi su bombola lanciata dal tetto sui poveri operatori di polizia, bombola sparita o non citata dai media seri e da nessuna prova tipo un video, grande enfasi sulla parola scontri, ancora i video non hanno mostrato alcuno scontro, solo una violenta aggressione a povera gente con tanto di incoraggiamento a spezzare braccia…
    Lo stupro di rimini (con carattere minuscolo viste le reazioni e dichiarazioni dei vari albergatori,ed operatori del turismo,politici locali,ecc), il branco! …..cronometrate il tempo che avete dedicato agli stupratori di rimini con quello dedicato agli stupratori (in divisa) di firenze(minuscolo viste le dichiarazioni del sindaco della città) …si noterà un aberrante differenza…stessa storia nelle rassegne stampa o in programmi come ” tutta la città ne parla”. Una vera pubblicità all’abbandono delle consultazione di giornali ecc.
    Per non parlare dell’EMERGENZA MIGRANTI,l’invasione,le ong amiche degli scafisti ecc.
    Come mai un livello così squallido di qualità dell’informazione ? Ne parlate quando mandate inviati o organizzati programmi da luoghi simbolo dell’intelligenza e della cultura come i vari festival della letteratura,giornalismo,filosofia, ecc.ecc,? Trasferte che pago con il mio canone tra l’altro…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notify me by email when my comment gets approved.