«Così vengono su dei bamboccioni»

Buon giorno, mia figlia ha frequentato le medie in un altro comune, si muoveva con un autobus di linea in autonomia, come lei molti altri adolescenti. Occorre decidere la linea guida per il Paese, che non può solo dire «non si fa» senza offrire servizi in alternativa al solito vecchio pensiero della mamma-casalinga sempre a disposizione. In Italia le donne che lavorano sono lottatrici ma non fanno miracoli!
Nadia

Salve, sono Emanuele Pellizzari. Genitore di tre ragazzi, di cui due alle medie. Pago circa 48 mila euro all’anno di IRPEF. Mia moglie lavora. Francamente, non è possibile andare a prendere i ragazzi a scuola, e la circolare dell’illuminato responsabile, è un’offesa all’Italia che lavora. Se i miei ragazzi non li fanno uscire, allora li lascio li e vado a prenderli alle 18, vediamo chi li tiene nel frattempo. E quando i Carabinieri verranno ad arrestarmi, allora lo stato italiano, perderà un bel contribuente.

Ma perché tutta questa voglia di farli diventare GRANDI???

Dalla prima elementare andavo da solo girato l’angolo di via Tolstoi, a Milano,trovavo ad aspettarmi il figlio di un notaio napoletano dall’ insolito nome di Ambrogio, attraversavamo due strade (il traffico era nulla rispetto ad oggi) sia all’andata che al ritorno al ritorno, il giorno del mercato, ci fermavamo a guardare il quadro (rimasto) invenduto dove una donna bionda statuaria suonava il violino. E siccome il velo che la copriva non nascondeva le grazie della violinista ridevamo; senza sapere bene il perché.

Buongiorno… Una vergogna cresciamo dei deficienti non gli adulti di domani … Se i ns figli sono dei bamboccioni è colpa in primis dell’arretratezza culturale di presidi e ministri!!!! Nella scuola di mio figli IC G. IMPASTATO -Roma (Ponte di Nona) da quest’anno uscita solo accompagnati… Nonostante le forti proteste dei genitori e nonostante la scuola disti meno di 200 metri da tutti i condomini del quartiere… Ragazzi di 12 e 13 anni!!! Abbiamo presentato migliaia di soluzioni al D.S. ma niente un muro di gomma … Ma se la scuola non comprende i bisogni di autonomia dei ragazzi come si può sperare che sia in grado di dargli gli strumenti adatti X crescere? Barbara Q.

Leggi sul Corriere della Sera

Un commento

  • buongiorno, a Nonantola (MO) esiste il PiediBus gestito da volontari che raccolgono i bambini di elementari e medie con varie “linee” e fermate lungo le strade che arrivano a scuola a piedi, con un carretto per gli zaini e tanta allegria. Un progetto che unisce bambini di età diverse, attività fisica e socializzante. Funziona al mattino.
    Simona

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *