Monthly Archives: novembre 2017

E-Commerce: il black friday fa concorrenza sleale?

Potenzia-il-tuo-E-Commerce-con-Google-Analytics

Il Black Friday è ormai una moda anche in Italia, ma quello di domani sta assumendo contorni e connotazioni importanti. A Piacenza i dipendenti di Amazon proclamano uno sciopero, mentre l’associazione della grande distribuzione accusa i colossi dell’e-commerce di concorrenza sleale. Non solo dal punto di vista economico, ma anche sociale, cosa è cambiato con la rivoluzione del commercio on line?

Gli ospiti del 23 novembre 2017

Giampaolo Meloni, RSA della Fiscascat-cisl ( Federazione di categoria della CISL che rappresenta i lavoratori e le lavoratrici del settore terziario, turismo e serviz)i, di Parma e Piacenza

Roberto Liscia, presidente del Consorzio Netcomm che riunisce le imprese che fanno e-commerce in Italia (300 aderenti tra negozi online e partner che offrono servizi per e-commerce) 2 volte l’anno si sono inventati un black friday all’italiana per 30 ore gli aderenti offrono sconti interessanti dalla spedizione gratuita fino al 50% ognuno può interpretare a proprio modo la promozione

Massimo Viviani, direttore generale di Federdistribuzione e consigliere delegato di Adm, l’associazione distribuzione moderna, che ha stilato il manifesto economico per il rilancio del paese dove si dice anche che il black Friday è concorrenza sleale

Riccardo Staglianò, giornalista di Repubblica e Il Venerdì, ha appena pubblicato il libro Al posto tuo. Così web e robot ci stanno rubando il lavoro (Einaudi, 2016)

Marino Niola, insegna Antropologia dei simboli all’Istituto “Suor Orsola Benincasa” di Napoli. Editorialista di Repubblica, il suo ultimo libro, con Elisabetta Moro, è Andare per i luoghi della dieta mediterranea (Il Mulino, 2017). Tra gli altri citiamo Homo Dieteticus. Viaggio nelle tribù alimentari e Non tutto fa brodo

 

Amazon apre 400 librerie “vere”, vi spiego perché la cosa non mi sorprende

Quando mi dissero che i miei libri sarebbero stati presto disponibili in formato e-book, ricordo che pensai: “i miei lettori non si compreranno mai i miei romanzi in formato digitale”. E andò più o meno così, come appresi quando mi arrivarono i nuovi rendiconti con le royalties che avevo maturato. La sproporzione tra le vendite dei libri cartacei e quelli digitaliera enorme. Per molti – case editriciscrittorilibrai – quello era un fatto normale, ci voleva tempo, bisognava attendere che gli e-reader si diffondessero capillarmente nella popolazione. La rivoluzione digitale sarebbe poi arrivata.

Leggi Francesco Gungui su Wired

Alibaba e il “Single Day”, quando una ricorrenza scherzosa diventa il festival del consumismo

4140afc8-2023-466b-9877-2b79f2a8dbfd_large

Stando alle previsioni degli analisti, Alibaba si prepara a infrangere nuovamente il proprio record di “valore totale di merce venduta” in un singolo giorno con il suo “11.11 Singles Day”, ovvero il “giorno dei single”, il più grande evento giornaliero di shopping nel mercato cinese e del mondo.

Le cifre, cosi’ come il trend di crescita, sono state ampiamente discusse nel Novembre 2016, ma restano nondimeno impressionanti se rivisitate oggi. L’11 novembre 2016 Alibaba aveva chiuso il calcolo del valore totale della merce venduta a 120 miliardi di Reminbi, ovvero 17.8 miliardi di Dollari. L’anno precedente si era fermato a 100 miliardi (14.3 miliardi di Dollari di allora). Per l’edizione 2017, la previsione degli analisti, fra cui spicca Citigroup, e’ di 24 miliardi di Dollari, equivalenti a 160 miliardi di Reminbi.

Articolo di 

L’ecommerce rincorre il boom Alibaba

In questi 4 giorni gli acquisti online sfioreranno gli 800 milioni di euro». Per Riccardo Mangiaracina, responsabile scientifico dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm Politecnico di Milano, l’obiettivo del 3% del fatturato annuo per l’e-commerce è alla portata in quello che viene sempre più considerato come un periodo “X”. «Mediamente in un giorno i merchant venderanno 3 volte tanto rispetto a un giorno qualsiasi. Quelli particolarmente aggressivi anche 10 volte. I prodotti tecnologici saranno probabilmente quelli più acquistati, seguiti da abbigliamento e lifestyle».

Le aziende che fanno e-commerce si fregano le mani in questo finale d’anno in cui, oltre all’avvicinarsi del Natale, sui conti piomba l’effetto benefico di “Black friday” e “Cyber monday”: usanze d’oltreoceano che hanno conquistato ormai già da qualche tempo l’italico e-shopping. Si tratta del venerdì e del lunedì successivo al Giorno del Ringraziamento negli Usa. Guardando al calendario, il 24 e il 27 novembre. In mezzo i 4 giorni più succulenti dell’anno per chi fa e-commerce. Secondo i dati di un sondaggio dell’associazione dei consumatori Adoc, il budget medio per questi quattro giorni è di 250-300 euro a consumatore. Facendo due conti rispetto alle stime del Politecnico di Milano, gli acquirenti online dovrebbero essere quindi circa 3 milioni.

Andrea Biondi sul Sole24Ore

Il Black Friday di Yoox è in un numero: un ordine ogni due secondi

Depositphotos_31395529_l-2015-760x400

Se un ordine ogni 2 secondi non rende l’idea della settimana che attraversa il commercio, allora è meglio pensare che un anno fa l’ordine arrivava ogni 4 secondi. È la crescita che racconta la prodigiosa rincorsa del commercio elettronico, in questo caso nei numeri che può rivelare Federico Marchetti, fondatore e amministratore delegato Yoox-Net-A-Porter, il gruppo italiano dell’ecommerce nonché tra i pochi campioni digitali d’Europa. Yoox-Net-A-Porter è l’ex startup italiana divenuta attore mondiale dell’ecommerce, vicino ai due miliardi di euro di ricavi all’anno.

Federico Marchetti, davvero compriamo di più, anche noi italiani, per il Black Friday?

«Sì, compriamo davvero molto di più. È la settimana dell’anno dove in assoluto vendiamo di più, più che a Natale e più dei saldi di fine stagione, senza alcun paragone».

Beniamino Pagliaro su La Stampa

Black Friday: numeri, storia e guida anti-truffe

Black-Friday-2017-in-Italia-tutte-le-date-da-segnare-in-calendario-Caccia-alle-offerte-Amazon

Solitamente il nero in economia e finanza è associato a scenari apocalittici. Se però a essere black non è il lunedì o il martedì (nella storia sono rimasti quelli del 1897 e del 1929 a Wall Street) ma il venerdì, allora la musica cambia. Stiamo parlando del Black Friday cioè il giorno dopo la festa del Ringraziamento dedicato allo shopping e ai super sconti con cui le grandi catene commerciali salutano l’inizio della stagione natalizia.

DAL CYBER MONDAY AL TRAVEL DEAL TUESDAY. Dagli States, il venerdì nero si è diffuso nel resto del mondo. E si è via via allungato fino a coprire non solo l’ultimo week end di novembre ma anche il lunedì e martedì successivi. Il periodo dei ribassi si declina così nel Cyber Monday (il lunedì dedicato agli acquisti dei prodotti tecnologici) e nel Travel Deal Tuesday (il martedì dei viaggi).

UN GIRO D’AFFARI MILIARDARIO. La corsa all’acquisto scontato nel 2016 ha generato negli Stati Uniti e solo online qualcosa come 3,34 miliardi di dollari con un incremento del 21,6% rispetto al 2015. Mentre la shopping week che sta per cominciare secondo le stime della National Retail Federation (la Confcommercio Usa) dovrebbe immettere nell’economia statunitense la cifra record di 680 miliardi di dollari, il dato più elevato di sempre.

Carlo Terzano su Lettera43

«Con Alibaba portiamo in Cina i prodotti del Mezzogiorno più richiesti»

tomato-168183_960_720

Vogliono far vendere ai cinesi la mozzarella di bufala e la pizza, aprire uno store dedicato al calcio napoletano, aiutare i brand industriali manifatturieri che hanno qualità di prodotto e solidità finanziaria a penetrare in un mercato infinito come la Cina. Alibaba, il più grande market place e-commerce al mondo (il giro di affari è pari a 547 miliardi di dollari, 488 milioni gli utenti attivi solo nel Paese della Grande muraglia), sbarca a Napoli e in Puglia per consolidare la presenza in Europa dove opera con propri uffici da un paio di anni (a Milano la prima sede aperta nel Vecchio continente).

L’occasione è offerta dalla quarta tappa di «+Valore Sud», il percorso di accelerazione e di accompagnamento alla crescita organizzato da UniCredit e dedicato a oltre 100 aziende del Mezzogiorno. Domani, venerdì, l’appuntamento è al Suor Orsola Benincasa: su «Digital marketing & communication» parleranno tra gli altri il Rettore Lucio D’Alessandro, Gianluca Tricarico, responsabile Private banking Network Sud di UniCredit, i rappresentanti di realtà aziendali importanti come il pastificio Di Martino con l’ad Giuseppe Di Martino, Optima Italia con Antonio Pirpan, UniCredit con Marco Wallner, responsabile del Corporate Commercial Synergies, e appunto Alibaba. «La nostra missione è molto chiara – dice Rodrigo Cipriani Foresio, Managing Director di Alibaba Group per il Sud Europa (Italia, Spagna, Portogallo e Grecia) -: aiutare le aziende a vendere sulle nostre piattaforme a 488 milioni di consumatori cinesi lasciando completamente a loro i percorsi di marketing e tutte le altre scelte legate alla commercializzazione dei prodotti. Nello stesso tempo aiutiamo il consumatore cinese a sapere cosa scegliere dei marchi, richiestissimi, del made in Italy. Ogni giorno 200 milioni di persone aprono la nostra applicazione per cercare prodotti e comprarli».

Nando Santonastaso sul Mattino